Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Tutti i complessi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Tassa sopra i poderi e terre

Livello: serie

Estremi cronologici: 1765 - 1776

Consistenza: 7 unità

Con il bando del 9 settembre 1751 1 si impose una tassa su tutti i poderi e terre del Granducato da dividersi in parti uguali fra i proprietari e i "lavoratori mezzaioli o livellari o Attuari". La tassa doveva avere carattere straordinario per supplire alle spese sostenute per debellare la peste bovina che aveva imperversato nelle campagne toscane. Per rendere più celere l'esazione si ritenne inopportuno e troppo gravoso ricorrere al macchinoso sistema delle "portate" e fu deciso di rifarsi ai dati delle rendite già definite "ne' dazzaioli sui quali s'esigevano l'antiche collette da' lavoratori". Praticamente i poderi furono suddivisi in 6 classi secondo la loro presunta rendita e tassati con una cifra fissa. Ai cancellieri e camarlinghi comunitativi spettavano le incombenze utili a riscuotere la tassa (reparti, dazzaioli) e a versarne il ricavato nella cassa dei Signori Nove. Non essendo estinte le spese per la sanità che avevano promosso la tassa nel 1751, essa fu nuovamente confermata per due anni con bando 22 gennaio 1765 2 , che ripropose tutte le disposizioni precedenti. La tassa, per diversi motivi, fu ulteriormente prorogata con motuproprio 14 giugno 1767, con circolare dei Signori Nove del 14 giugno 1769 3 La legge 25 maggio 1774 4 , istituendo la cosiddetta tassa di redenzione, abolì tutte le precedenti imposte fondiarie fra cui la tassa sui poderi o prediale, ma di nuovo il motuproprio 17 aprile 1775 5 la prorogò per altri due anni. L'esazione della tassa terminò quindi definitivamente nel 1777.


icona top