Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Tutti i complessi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Tribunale di San Miniato

Livello: fondo

Estremi cronologici: 1814 - 1865

Consistenza: 377 unità

1814 - 1865 Il regolamento del 27 giugno 1814 soppresse tutta la legislazione francese ricostituendo, a livello periferico, i vicariati regi e le podesterie. I vicari videro però limitate le loro competenze rispetto all'ancien regime: in materia criminale era loro compito la cognizione dei reati e la istruzione dei processi che non prevedessero una pena superiore al confino, lasciando comunque le sentenze alla "Ruota Criminale" di Firenze a cui spettava anche l'istruzione dei processi per i reati più gravi. Una radicale trasformazione e razionalizzazione dell'amministrazione della giustizia si ebbe con il Motuproprio del 2 agosto 1838 1 entrato in vigore il primo dicembre di quell'anno. "L'amministrazione della giustizia è da noi attribuita: 1- Alla nostra Real Consulta. 2- Alla Corte Regia. 3- Ai Tribunali collegiali di prima istanza. 4- Ai Vicari Regi [...]. 5- Ai podestà". "Sarà stabilito un tribunale collegiale di prima istanza con giurisdizione civile e criminale nell'estensione dell'attribuitogli circondario a: Firenze [...], Livorno [...], Pisa [...], Siena [...], Pistoia [...], Arezzo [...], Grosseto [...], Montepulciano [...], Rocca San Casciano [...], Sanminiato [che] si comporrà di un presidente e due auditori che disimpegneranno il servizio civile e criminale. Il suo circondario si formerà dei territori dei Vicariati di Empoli, San Miniato e Fucecchio... I Vicari Regi, i giudici civili e i podestà hanno una giurisdizione contenziosa ed una volontaria nelle materie civili. Nel contenzioso la loro giurisdizione è limitata alle cause di un merito certo non eccedente il valore delle lire 400. Quella parte della giurisdizione che riguarda l'amministrazione delle tutele e delle curatele e dell'economico dei minori e degli interdetti è attribuita ai Vicari Regi e ai podestà di prima classe..." In materia criminale " i Vicari Regi [...] giudicano dei modici furti semplici e dei danni dati ancorché qualificati solamente da asportazione non eccedenti le lire 10 e delle leggere offese ed ingiurie che non portino a pene maggiori del carcere per giorni otto e della multa di lire venticinque. Provvedono alla istruzione del processo in ogni causa criminale". Rimangono di pertinenza vicariale le funzioni di polizia e di mantenimento dell'ordine pubblico. "Presso ogni Vicario Regio è stabilito un cancelliere per il servizio degli atti e nei vicariati di prima e seconda classe un coadiutore al cancelliere". Il completamento delle riforme del 1838 si ebbe nel 1848 con la legge del 9 marzo, che soppresse i tribunali vicariali e determinò il passaggio delle competenze a due distinte istituzioni periferiche: la pretura e la sottoprefettura. Il pretore ereditò le competenze giudiziarie dei vicari pur vedendo ancora diminuite le funzioni di giudice penale; il sottoprefetto assolse alle incombenze di polizia e di vigilanza dell'ordine pubblico. Tale ordinamento sopravvisse fino alle riforme del Regno d'Italia. Dal 1814 San Miniato fu di nuovo sede di un vicariato regio di seconda classe con competenza civile sulle comunità di San Miniato e di Montopoli; la giurisdizione criminale si estendeva anche alle podesterie di Castelfiorentino, Montaione e Montespertoli 2 . Come già detto, dal 1838 ebbero sede a San Miniato un tribunale vicariale di prima classe con giurisdizione civile anche sul territorio della soppressa podesteria di Montaione e giurisdizione criminale, oltre che sui suddetti territori, sulle podesterie di Castelfiorentino e Peccioli 3 e un tribunale di prima istanza il cui circondario si estendeva sui vicariati di Empoli, San Miniato e Fucecchio 4 . Con deliberazione della Regia Consulta del 10 giugno 1846 5 fu soppresso il vicariato regio di San Miniato, istituendo in quella città un commissariato regio con funzioni commissariali su tutto il circondario di quel tribunale di prima istanza e con esercizio delle funzioni vicariali sul territorio del soppresso vicariato, con eccezione della podesteria di Peccioli, passata al commissario regio di Volterra 6 . Dal primo gennaio 1850 anche a San Miniato videro applicazione le leggi del 1848-1849, con l'istituzione della Pretura per le funzioni di giudice civile e penale sul territorio già vicariale e della sottoprefettura, con compiti di polizia giudiziaria e amministrativa sul territorio del tribunale di prima istanza 7




icona top