Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Acque e strade

Livello: serie

Estremi cronologici: 1798 - 1865

Consistenza: 13 unità

Il 22 febbraio 17981 il magistrato comunitativo fu autorizzato dal granduca ad appaltare a privati, nei casi in cui la comunità non fosse in grado di assolvere da sola, la manutenzione delle strade comunali. Tali contratti si chiamavano accolli e la comunità vigilavo sull'operato dell'accollatario mediante visite periodiche di un esperto. Con il Regolamento del 12 settembre 18142 venne riconfermata la figura del perito delle strade sotto controllo di due membri del magistrato deputati a tale compito; il cancelliere aveva il compito di raccogliere le relazioni dei sopralluoghi del perito da sottoporre al magistrato, istruire le pratiche di accollo ed aggiornare periodicamente il campione degli accolli. Nella serie è stata anche inserita la busta contenente i contratti d'accollo del comune del periodo prenapoleonico.



icona top