Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Statuti icona

Livello: serie

Estremi cronologici: sec. XVII

Consistenza: 1 unità

Il codice che accoglie le più antiche disposizioni legislative emanate dal Comune di Rosignano1, rilegato in assi e pelle con borchie in ottone disposte simmetricamente sulle due facce: in esso le disposizioni non sono rilegate in ordine cronologico, hanno inizio dal 1488, quando Rosignano era un officialato retto da un notaio inviato da Firenze che vi esercitava la giurisdizione civile e la bassa giurisdizione criminale per il Vicario, fino al 1584; di seguito troviamo trascritto un corpus di norme datato 1427. Possiamo quasi sicuramente affermare che il testo è una copia2 di quello o conservato all'Archivio di Stato di Firenze3.
Al termine del corpo statutario sono state annotate delle memorie, a partire dal 6 dicembre 1665, riguardanti controversie, richieste presentate a Sua Altezza Reale ed episodi particolari come per esempio la visita di S.A.R. Ferdinando III alla podesteria di Rosignano avvenuta l'11 marzo 1817. Le memorie si concludono il ventiquattro ottobre 1900 con un commiato per la morte del Re Umberto I. Di seguito troviamo una relazione del commendatore Pietro Nencini4 incaricato, dalla comunità di fare confezionare la bandiera con lo stemma comunale nel 1925, il riconoscimento dello stemma civico e la sua iscrizione nel Libro Araldico degli Enti Morali nel 1927, una copia del 1959 dello stemma di Vada e dello Statuto di Gabbro entrambi forniti dall'Archivio di Stato di Firenze.



9
Statuti
1
Codice rilegato in assi e pelle con borchie in ottone disposte simmetricamente sulle due facce 35 cc. membranacee
sec. XVII
icona top