Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetto conservatore:

Contenuto della pagina


Statuti icona

Livello: sottoserie

Estremi cronologici: 1478-1731

Consistenza: 1 unità

Il popolo di Sant'Agata ad Arfoli si sviluppò attorno alla chiesa parrocchiale omonima, che faceva parte del plebato di Cascia fin dal 1260.
Della chiesa si ha memoria nel 1230 quando vi fu rogato un atto di vendita di un pezzo di terra tra un tal Morisciano ed il monastero di Vallombrosa. Dalla decima del 1274 si evince che la chiesa aveva la canonica ed un capitolo di canonici, a capo dei quali era posto un priore.
Nel 1374 la chiesa fu ceduta con tutti i beni ed i diritti al monastero di Vallombrosa dal vescovo di Fiesole, Neri Corsini; ai canonici subentrarono i monaci dipendenti dall'abate di Vallombrosa. La prioria vallombrosana di Sant'Agata scomparve del 1652, quando Innocenzo X soppresse tutte le piccole comunità religiose che non raggiungevano i dodici membri 1 .
Lo statuto del popolo di Sant'Agata in Arfoli disciplina questioni come la macina al mulino, il pascolo delle bestie, la raccolta delle castagne ed il danno dato.


284(1240)
Statuti di Sant'Agata a Arfoli
Cc. Ir.-IIIr.: indice dei capitoli, cc. 1r.-5v.: statuti del popolo di Sant'Agata in Arfoli, 1478, sindaci
Agnolo di Antonio di Andrea da Valle
Pasquino di Luca di Checco da Pietrapiana
Luca di Domenico di Nanni
tutti e tre del popolo di Sant'Agata ad Arfoli statutario
ser Chimenti di Iacopo di Bernardi notaio fiorentino
c. 6r.: indicazioni delle pene pecuniarie per il danno dato, cc. 7r.-11r.: statuti del popolo di Sant'Agata ad Arfoli, 1487, sindaci
Meo di Michele di Meo
Francesco di Tano di Ceccho
Bartolo di Tofano
tutti e tre del popolo di Sant'Agata statutario
ser Michele di Guasparri di Stephano
c. 11r.-v.: riforme agli statuti, 1493-1507, cc. 12r.-20v.: statuti del popolo di Sant'Agata ad Arfoli, 1507, sindaci
ser Bartolomeo Miliani
ser Filippo di Niccolò Lippi da Pratovecchio
notai e cittadini fiorentini sindaci
Bartolomeo di Tofano
Pasquinio di Luca di Cecco
tutti e due del popolo di Sant'Agata notaio
ser Giovanni di Bernardo
cc. 21r.-25r.: statuti del popolo di Sant'Agata, 1508, sindaci
Bartolomeus Tofani Iacobi
Antonio Angeli Andrea da Vaglia
Benedictus Antonii Benedicti
Salvator Masii Pieri Antonii
Antonius Papini
Luce Cecchi
notaio
Leonardo Orlandi
cc. 25r.-37r.: riforme agli statuti, 1517-1548, cc. 37r.-39v.: riforme, 1555-1569, cc40r.-45r.: riforme 1570-1605, cc. 45r.-46v.: annotazioni delle tasse pagate per l'approvazione degli statuti, 1614-1724, c. 47r.: dichiarazione del notaio notaio
Gaetano Maria Becattini
il quale redige dall'originale che si trova nell'Archivio Pubblico delle Riformagioni una copia dello statuto della comunità di Sant'Agata, 12 aprile 1731.
Registro cartaceo cc. I-IV, 1-46 legatura originaria in pergamena.
1478-1731
icona top