Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetto conservatore:

Contenuto della pagina


Depositario dei Pegni

Livello: sottoserie

Estremi cronologici: 1579-1777

Consistenza: 30 unità

I pegni erano i beni sequestrati per ordine del podestà ai debitori insolventi. Il sequestro dei pegni era effettuato dal messo della podesteria il quale, in presenza degli stimatori, li consegnava al depositario, ufficiale di nomina locale sottoposto al beneplacito dei Nove Conservatori109. La carica di depositario era annuale e solitamente veniva affidata al camarlingo della podesteria. Tra i suoi compiti vi era la conservazione dei beni sequestrati e la tenuta del registro dei pegni sul quale annotare oggetto, motivo e proprietario del pegno. Il camarlingo dei pegni era tenuto ad avere cura che questi non andassero persi o non fossero scambiati con altri 1 .
Allo scadere dei termini fissati per legge i pegni, se non venivano riscattati dai proprietari, erano venduti all'incanto. Nel caso in cui il ricavato fosse una cifra maggiore del debito, il depositario restituiva al proprietario del pegno la differenza, in caso contrario il pignorato rimaneva debitore della lega.
Sui quaderni dei pegni venivano annotati i nomi del debitore e del creditore, la somma in questione, la data, l'elenco degli oggetti impegnati e le spese sostenute dal messo, dallo stimatore e dal depositario. Sullo stesso registro veniva poi segnalata l'eventuale vendita degli oggetti. Nell'archivio di Reggello sono presenti registri dei pegni, dazzaioli, ricevute e saldi del depositario, il quale doveva render conto al podestà di tutti i pegni avuti in consegna durante il suo ufficio.
Sul primo registro della serie dei saldi sono riportati i saldi per il piviere di Cascia e per alcuni anni per quello di Pitiana, (1603-1604, 1642-1643, 1646-1648); per l'anno 1646-1647 sono annotati i saldi dei pegni relativi alla lega di Incisa e dal 1579 al 1585 quelli del comune di Leccio. Dal 1649 si ha un'unica registrazione per tutta la podesteria denominata di Reggello.


icona top