Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetto conservatore:

Contenuto della pagina


Entrate

Livello: serie

Estremi cronologici: 1521

Consistenza: 1 unità

La gestione delle entrate e delle uscite era affidata ai camarlinghi, che amministravano le finanze e tenevano i libri contabili. I camarlinghi della lega duravano in carica dieci mesi ed erano in numero di tre: uno, denominato camarlingo generale, proveniva dal piviere di Cascia, uno doveva risiedere nel piviere di Pitiana ed uno nel comune di Viesca. Ai tre camarlinghi erano richiesti requisiti di solvibilità forniti da due buoni e sufficienti mallevadori; i camarlinghi erano comunque responsabili direttamente del loro operato.
I due camarlinghi minori si occupavano presumibilmente della contabilità dei vari popoli e versavano al camarlingo generale i proventi derivanti dalla riscossione delle imposte e dalla vendita dei pegni.


23
Registro delle entrate della lega di Cascia, riepilogativo di tutti i popoli
Registro cartaceo cc. 1-95; cc. 12-20,25-35,40-46,46-60,69-95 bianche mancante della coperta.
1521
icona top