Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetto conservatore:

Contenuto della pagina


Statuti icona

Livello: serie

Estremi cronologici: 1531 - 1722

Consistenza: 1 unità

Tra la fine del XIV secolo e gli inizi del XV, in un clima di ronnovata attenzione di Firenze per il vicino contado, venne redatto un gran numero di statuti rurali, nei quali in parte venivano codificate antiche consuetudini locali 1 .
Lo statuto della podesteria di Cascia 2 si apre con l'elencazione dei nomi degli statutari che avevano il compito di redigere, modificare, correggere e cassare gli statuti; questi venivano nominati direttamente dal consiglio 3 .
Lo statuto presenta una prima parte redatta su supporto pergamenaceo ed una seconda su supporto cartaceo. I testi sono scritti da diverse mani e alla fine del registro si trovano alcuni bandi a stampa. Le prime rubriche dello statuto si occupano dell'insediamento e dell'attività del podestà inviato da Firenze, poi si passa ad analizzare i compiti del consiglio generale ed il modo di riformare la podesteria.
Nelle rubriche successive vengono esaminati gli organi e le cariche istituzionali, il diritto pubblico, il diritto civile e l'amministrazione della giustizia.
Seguono alcune rubriche sulla regolamentazione della vita quotidiana, come ad esempio il rispetto per le festività e quello per il lavoro dei campi.
Chiudono gli statuti le disposizioni sul danno dato, quali tagliare alberi da frutto o olivi, appiccare incendi o sporcare pozzi e fonti. Per ogni danno arrecato lo statuto prevede l'assegnazione delle opportune pene.


1
Statuto della podesteria di Cascia

Cc. 9r.-18v., 1r.-8v.: Statuto della podesteria di Cascia, 1531. Statutari: Francesco di Bartolo da Valle, Vanni di Bartolo di Vanni, Francesco di Matteo di Iacopo, Benedetto di Donato Salvini, Bartolo di Antonio di Paolo, Angelo di Antonio da Valle.;
cc. Ir.-IVv.: riforme agli statuti, 1538-1539;
cc. Vr.-VIr.: rubrica dei capitoli in cui è diviso lo statuto del 1531;
cc. 19r.-19v.: riforme agli statuti, 1539;
cc. 20v.-23r.: nuovi statuti e capitoli, 24 dic. 1541. Statutari: Hieronimo di Luca di Albizi, Andrea di Nicola di Sacchetti, Cristoforo di Bernardo di Rinieri, Bernardo di Onofri di Acciaroli; cc. 23v.-27r.: riforme, 9 feb.1543;
cc. 27v.-28r.: legge sopra quelli che vendono o comprano sale, 6 mag. 1543; cc. 28v.-30r.: nuovi statuti e capitoli, 6 set. 1544. Statutari: Bernardo d'Arrigo di Giovanni, Giuliano di Niccolò, Bernardo d'Antonio Pagoli;
cc. 30v.-35r.: riforme agli statuti, 1545-1546; cc. 35v.-37r.: riforme, 22 apr. 1547; cc. 37v.-38v.: nuovi statuti e capitoli, 1548. Statutari: Simone di Nicholo Gonnelli, Bartolomeo di Giovanni Tosi, Giuliano di Nicholo del Torchio; cc. 39r.-41v.: riforme degli uffici, 1548; cc. 41v.-47r.: riforme, 1553-1562;
cc. 47v.-50v.: nuovi statuti e capitoli, 14 mag. 1562. Statutari: Domenico di Domenico Bigazzi, Orlando di Rinaldo Poggesi, Mariano di Agostino di Mano;
cc. 50v.-54r.: riforme, 1563-1568;
cc. 54v.-56r.: nuovi statuti e capitoli, 26 gen. 1569. Statutari: Romolo di Giuliano Fabbro, Domenicho di Domenico Bigazzi, Niccholo di Piero Bettini; c. 56r.: bando del 19 lug. 1570;
cc. 56v.-59r.: riforme degli uffici (formazione delle polizze da estrarre), 1571 - 1575;
cc. 59v.-64v.: bandi, mag. 1576;
c. 65r.: lettera dei Signori Nove, 1 gen. 1577;
cc. 65v.-73v.: bandi, 1576-1578;
cc. 74r.-75v.: provvisione sulla legna da tagliare, 29 set. 1575;
cc. 76r.-79r.: riforma degli uffici, 8 giu. 1580;
cc. 79v.-:81v.: riforma degli uffici, 26 gen. 1585;
cc. 82r.-83v.: riforme, mar. 1585;
cc. 83v.-89v.: provvisione, 3 giu. 1586;
cc. 90r.-91r.: riforme, 1589;
cc. 92r.-99v.: riforme degli uffici, 1592-1629;
c. 100r.-v.: ricordi di pagamenti di tasse per l'approvazione degli statuti, 1635-1722;
cc. 101r.-152r.: bandi e lettere, 1569-1588.

Statutari
Francesco di Bartolo da Valle
Vanni di Bartolo di Vanni
Francesco di Matteo di Iacopo
Benedetto di Donato Salvini
Bartolo di Antonio di Paolo
Angelo di Antonio da Valle
Hieronimo di Luca di Albizi
Andrea di Nicola di Sacchetti
Cristoforo di Bernardo di Rinieri
Bernardo di Onofri di Acciaroli
Bernardo d'Arrigo di Giovanni
Giuliano di Niccolò
Bernardo d'Antonio Pagoli
Simone di Nicholo Gonnelli
Bartolomeo di Giovanni Tosi
Giuliano di Nicholo del Torchio
Domenico di Domenico Bigazzi
Orlando di Rinaldo Poggesi
Mariano di Agostino di Mano
Romolo di Giuliano Fabbro
Domenicho di Domenico Bigazzi
Niccholo di Piero Bettini

Registro membranaceo e cartaceo cc. 9-18, I-VI (num. mod.), 1-8, 8/1, 19-100 perg.; cc. 101 - 138 (num. mod.) legatura in cuoio con angoli in ottone su ognuno dei quali è apposta una borchia in pasta vitrea rossa. Il registro è stato mal rilegato.
1531 - 1722
icona top