Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Tassa di redenzione

Livello: serie

Estremi cronologici: 1776 - 1808

Consistenza: 25 unità

La tassa di redenzione, che, come si è già detto per Poppi, sostituiva non solo le "spese universali", ma anche tutti quei pagamenti che fino a quel momento le comunità avevano fatto direttamente, come i salari dei giusdicenti e dei cancellieri 1, era fissata in scudi centosessantasei di lire sette per scudo 2.

Per pagare questa tassa di redenzione e le altre spese, la comunità era autorizzata a ricorrere annualmente all'imposizione "a titolo di dazio sopra i soli possessori di beni stabili di qualunque grado (...) purché i beni stabili sieno situati nel territorio della respettiva comunità (...) e descritti o da descriversi ad estimo" 3.



icona top