Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetto conservatore:

Contenuto della pagina


Tassa sui cani

Livello: serie

Estremi cronologici: 1857 - 1858

Consistenza: 2 unità

Nel 1856 fu istituita una tassa sui cani1 a vantaggio delle comunità con una legge del 3 luglio, seguita da un editto del 10 dello stesso mese,2 che dava le istruzioni sugli obblighi dei proprietari dei cani e le modalità per riscuotere la tassa. Spettava ai proprietari fare la denuncia nell'ufficio del gonfaloniere dei cani in loro possesso, con l'indicazione delle razze, entro il mese di ottobre. Ogni variazione doveva poi essere denunciata.

In ogni ufficio comunale si doveva tenere un registro delle denunce da cui si doveva cavare il dazzaiolo da darsi poi al camerlingo.

Dazzaioli


535(H/83)
1857
con repertorio Camerlingo: Angiolo Sabatini camarlingo
Angiolo Sabatini

Registro pp. 31
1857
536(H/83)
1858
Camerlingo: [Angiolo Sabatini] camarlingo
Angiolo Sabatini

Registro pp. 36
1858
icona top