Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetto conservatore:

Contenuto della pagina


Arruolamento militare

Livello: serie

Estremi cronologici: 1826 - 1865

Consistenza: 25 unità

Deputazione di Poppo

A partire dal 1820 le comunità furono chiamate a partecipare alle operazioni della leva militare. Le istruzioni emanate in proposito il 29 aprile 45 disposero la costituzione di speciali "deputazioni", formate dall'autorità giudiziaria del luogo, dal gonfaloniere, da uno dei priori e dal cancelliere comunitativo, cui si aggiunse successivamente un soggetto nominato dalla Camera di soprintendenza competente, che avevano il compito di procedere all'arruolamento del contingente richiesto alle singole comunità.

La materia fu meglio definita dalla legge del 18261, che precisò le procedure da seguire, disponendo la creazione di una lista generale dei giovani, che avevano compiuto il ventesimo anno di età, da compilarsi in ogni comunità sulla base dei dati forniti dai giovani stessi e dei riscontri operati sugli stati dei nati nell'anno di leva, inviati alla deputazione dai parroci della comunità.

Le deputazioni potevano, a loro scelta, seguire due strade per reclutare i giovani: o imporre su tutti i giovani di 21 anni una tassa con cui poi pagare dei volontari o procedere per estrazione.



icona top