Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetto conservatore:

Contenuto della pagina


Stato civile

Livello: serie

Estremi cronologici: 1814 - 1816

Consistenza: 3 unità

Tra i primi atti del governo del Rospigliosi, vi fu l'abolizione dello stato civile creato dall'amministrazione napoleonica, che l'aveva sottratto ai parroci e affidato alla responsabilità delle mairies. Il I maggio, infatti, aboliti gli atti di stato civile, fu richiamato in vigore il disposto delle leggi canoniche e civili esistenti prima del 18081, mitigato in parte dalla disposizione di poco successiva2, che obbligava i parroci a mandare il primo di ogni mese ai gonfalonieri tre note ben precise e dettagliate, una per i nati, una per i morti e una per i matrimoni e questi a trascriverle su un libro di stato civile e a mandarne un duplicato ogni mese alla regia Segreteria di Stato.

Tutta la materia fu poi ripresa nel 1817 con il motuproprio del 18 giugno3, che istituiva presso la Segreteria del regio Diritto un ministero dello stato civile con il compito di raccogliere e tenere aggiornati i dati relativi alle nascite, alle morti e ai matrimoni di tutto il Granducato e impartiva disposizioni precise e dettagliate ai parroci su come tenere i registri, i cui modelli erano inviati dal ministro dello stato civile, con l'obbligo di tenere anche un duplicato dei registri stessi da rimettere alla fine di ogni anno alla Segreteria del regio Diritto tramite i cancellieri. Inoltre i parroci dovevano inviare ogni mese ai rispettivi cancellieri l'estratto degli atti di nascita, morte e matrimoni verificatisi nel mese, dopo averli trascritti nei loro registri. Ai cancellieri spettava poi il compito di trasmetterli alla Segreteria del regio Diritto. Sempre ai cancellieri il motuproprio affidava anche il compito di tenere i registri per gli individui di culto non cattolico.



428(M/80)
1814 mag. - 1816 nov.
Certificati di atti di matrimonio
Filza coperta in pergamena cc. n. nn.
1814 mag. - 1816 nov.
429(A/5)
1815 gen. - 1816 giu.
Attestati e certificati di nascita, morti, matrimoni rilasciati dai parroci
Filza coperta in pergamena cc. n. nn.
1815 gen. - 1816 giu.
430(M/81)
1814 - 1816
Attestati e certificati di morte rilasciati dai parroci
Filza coperta in pergamena cc. n. nn.
1814 - 1816
icona top