Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Statuti e riforme icona della podesteria

Livello: serie

Estremi cronologici: 1487 giu. 14 - 1616 nov. 4

Consistenza: 0 unità

Il registro che qui si descrive si trova oggi nella Biblioteca Rilliana n. 207, altri statuti e riforme si trovano nell'Archivio di stato di Firenze nel fondo Statuti delle comunità autonome e soggette, 336 1 .



statuti della comunità di Fronzola

Reg. in pergamena, cop. pelle con borchie, cc. 1-18, n. nn., 1-7, 1-10, 1-7, 13-14, 15-16, n. nn., N.ant ..., BCR. 207

cc. 11r-13r Riforma del 14 giugno 1487 fatta dai priori e consiglieri del comune: Mariotto di Donato da Fronzola, Matteo di Martino da Memmenano, Mariotto di Giovanni da Larniano, Mona di Iacomello da San Martino, Mariano di Francesco da Palazzo, Iacopo di Francesco da Memmenano, Cristofano di Baldo da Larniano, Francesco di Bastiano da San Martino. Roga: "Antonius olim Nicolai de Puppio". Approvata con correzioni dagli approvatori fiorentini il 21 giugno 1487.

c. 13v-15r Riforma del 4 dicembre 1491 fatta dai priori e consiglieri: Batesta di Paolo da Fronzola, Mariotto d'Antonio del Giorda da Memmenano, Antonio di Giunta da Larniano, Giovanni di Guido da San Martino, Iacopo di Meo da Fronzola, Paolo di Domenico da Memmenano, Nicolò di Perino da Larniano, Bartolomeo di Checco da Sambrona. Roga: "Antonius olim Nicolai de Puppio". Approvata dagli approvatori fiorentini il 15 dicembre 1491.

cc. 15v-17r. Riforma del 27 dicembre 1495 fatta dai priori e sindaci: Torello di Mariano dal Palazzo, Antonio del Giunta da Larniano, Cristofano d'Antonio del Giorda, Pipio de Pare da San Martino, Tonio di Marco Pugliesi, Mino d'Agnolozo da San Martino, Renzo di Salvatore da Larniano, Francesco di Magonzi. Roga: "Antonius olim Nicolai de Puppio". Approvata dagli approvatori fiorentini il 18 gennaio 1496.

cc. 17v-19r Riforma del 25 agosto 1505 compilata dai sindaci: Giuliano di Donato, Renzo di Donato, Giovanni di Vangelista, Giovanni di Guido e dai priori: Torello di Mariano, Iacopo di Luca, Agnolo di Paolo, Niccolò di Pierino. Roga: "Petrus Antonius Laurentii Blasii de Bonellis de Puppio". Approvata dal vicario Lorenzo Capponi e dagli approvatori fiorentini l'11 novembre 1505.

cc. n. nn. Riforma del 17 marzo 1511 fatta dai sindaci: Iacopo di Menico di Stefano, Bartolo di Domenico Pettinato, Piero di Renzo di Brando, Bernardo di Betto d'Antonio e dai priori: Donato di Renzo, Giovanni Tofano, Andrea di Batista, Cristofano di Betto d'Antonio. Roga: "Lodovicus olim Baptiste Francisci de Puppio". Approvata dagli approvatori fiorentini il 26 maggio 1511.

cc. n. nn. Riforma del 6 settembre 1524 fatta dai sindaci e priori. Cancelliere "Gorus olim ser Ioannis ser Gori de Miglis de Puppio". Cavaliere del vicario "Bernardus olim Laurentii Ioannis de Gratiis de castro Sacto Ioannis Valdarni superioris". Approvata dagli approvatori fiorentini il 10 settembre 1524.

cc. n. nn. Riforma del 20 gennaio 1528 fatta dai sindaci e priori, cancellata e annullata sempre il 20 gennaio 1528 da Giovanni Lapi vicario del Casentino.

cc. n. nn. Riforma del 9 febbraio 1528 fatta dai sindaci e priori. Roga: "Clementes olim Francisci Clementis de Puppio". Approvata dagli approvatori fiorentini il 17 febbraio 1528.

cc. n. nn. Riforma del 25 ottobre 1516 fatta dai sindaci e priori: Cristofano di Iacopo, Bartolo di Paolo, Vangelista di Niccolò, Menico di Mino. Roga: "Filippus olim ser Ioannis domini Bernardi". Approvata dagli approvatori fiorentini 28 ottobre 1516.

cc. n. nn. Riforma del 23 gennaio1520 fatta dai sindaci: Iacopo di Menico, Baldo di Giovanni, Iacopo di Francesco, Francesco di Giuliano e dai priori: Donato di Mariotto, Piero di Marco, Cristofano d'Antonio, Martino di Giovanni. Roga: "Petrus Antonius olim Laurentii de Blasi de Puppio". Approvata dal vicario Pietro di Lorenzo de Frescobaldi. Approvata dagli approvatori fiorentini il 22 marzo 1520.

cc. n. nn. Riforma del 1 gennaio 1522 compilata dal consiglio dei sindaci e priori. Roga: "Petrus Antonius olim Laurentii Blasii de Bonellis de Puppio". Approvata dagli approvatori fiorentini i 11 febbraio 1522.

cc. 1r-7r Riforma del 17 gennaio 14731 Riformatori: Donato di Giovanni dalla [...], Luca di Niccolò del Poerino, Baldo di Niccolò, Francesco di Giovanni. Roga: "Antonius olim Nicholaii de Puppio". Approvata con correzioni dal magistrato dei Cinque il 5 maggio 1473 e successivamente il 18 agosto 1480 e il 18 aprile 1481.

cc. 10r v Deliberazioni sul danno dato fatte dai Priori di libertà e dal Gonfaloniere di giustizia del Popolo fiorentino il 12 aprile 1481 nel Consiglio di popolo, il 13 nel consiglio comune, il 14 nel Consiglio de' Cento.

cc. 1r-10r Riforma del 1 febbraio 1532 fatta dai priori e sindaci. Roga: "Clementes olim Franciscii Clementis de Puppio". Approvata dagli approvatori fiorentini il 27 settembre 1532, 20 ottobre 1557 e 11 settembre 1562.

cc. 1r-7r Riforma del 15 agosto 1540 fatta dai priori e sindaci: Francesco di Iacopo vocato Pierino da Larniano, Paolo di Iacopo di Fronzola, Chimenti di Vangelista da Larniano, Luca di Piero di Renzo da Sambrona, Santi di Torello dal Palazzo, Renzo di Martino da San Martino. Roga: "Franciscus olim Juliani Francisci de Martini de Puppio". Sottoscrive il cavaliere del vicario ser Iacopo de Nelli da Monterchi. Approvata dagli approvatori fiorentini il 19 agosto 1540.

cc. 13v-14v Riforma del 15 febbraio 1545 compilata dai priori e rappresentanti poi "cassa " dai priori stessi. Roga: "Clementes olim Francisci Clementis notarus Puppiensis". Il magistrato dei Cinque riconferma i vecchi statuti in data 3 aprile 1546.

cc. 15r-16r Riforma del 9 settembre 1548 fatta dai priori e governatori della comunità: Cristofano di Iacopo, Chimenti di Vangelista, Iacopo di Francesco Carlo, Lazzero di Iacopo Peccini, Menico di Paolo, Tonio di Paolo, Stefano d'Agnolo assente e Niccolò di Domenico. Roga: "Angelus olim Laurentii Paulozzii de Puppio". Approvata dal magistrato dei Cinque il 17 settembre 1548.

cc. n. nn. Riforma del 1 novembre 1553 fatta dai priori e governatori: Meo di Vangelista, Renzo di Martino, Battista di Cecco del Tozo, Tonio di Pierozzo, Tonio di Martino, Sarri di Baccio e Fedele di Piero. Roga: "Angelus olim Leonardi Angeli Paulozzii de Paulozzii de Puppio". Approvata dagli approvatori fiorentini il 13 novembre 1553.

cc. n. nn. Riforma del 16 aprile 1559 fatta dai priori e governatori: Biagio di Girolamo, Marco di Piero, Tonio di Santi, Paulo d'Agnolo, Marco di Agnolo, Betto di Santi Roga: "Angelus olim Leonardi Angeli Paulozzii de Paulozzii de Puppio". Approvata dalla Pratica Segreta il 23 settembre 1559 e dai Nove conservatori l'11 settembre 1562.

cc. n. nn. Riforma del 9 marzo 1569 fatta dai riformatori: Tonio di Santone di Memmenano, Biagio di Girolamo da Buiano eletti dai priori. Roga: "Blasius Martinus poppiensis". Approvata con correzioni dalla Pratica Segreta l'11 maggio 1569, dagli approvatori fiorentini il 18 settembre 1574, il 29 aprile 1580, il 20 dicembre 1584, il 14 giugno 1589, il 19 dicembre 1592, il 10 febbraio 1595, e poi approvata per sette anni da finire il 20 aprile 1606.

cc. n. nn. Riforma di Memmenano del 21 settembre 1604, fatta dagli uomini di Memmenano "uno per casa", congregati nella casa del priore Piero di Francesco. Roga: "Silvius quondam ser Alexandri de Bertis laterinensis". Riforma di Fronzola del 15 gennaio 1606 fatta dai rappresentanti del comune. Roga: "Ludovicus Quarqualius geminianensis". La Pratica Segreta il 22 novembre 1606 approva la riforma di Memmenano del 24 settembre 1604, non approva, invece, quella di Fronzola del 15 gennaio 1606, richiamando i vecchi statuti approvati fino a quell'anno, cioè quelli del 9 marzo 1570. Lettera del 19 febbraio 1617 dei rappresentanti del comune di Fronzola ai ministri delle Riformagioni.

cc. n. nn. Statuto di Larniano del 23 ottobre 1611 fatto dagli uomini, uno per casa, riuniti nella chiesa di Sant'Agnolo. Statuto del popolo di Fronzola del 6 novembre 1611, fatto dagli uomini di Fronzola, riuniti nel palazzo del vicario. Statuto del popolo di San Martino e Sambrona del 6 novembre 1611 fatto dagli uomini dei due popoli convocati e riuniti nella villa di San Martino. Roga: Camillo Onesti cancelliere della podesteria di Poppi. Approvati con qualche correzione dalla Pratica Segreta il 18 gennaio 1612.

cc. n. nn. Statuto del 4 novembre 1616 fatto dai priori e rappresentanti. Roga: "Aurelius Baronius bagnoneus". La Pratica Segreta non approva e rinnova per cinque anni la riforma del 1611.


Biblioteca Comunale Rilliana


icona top