Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetto conservatore:

Contenuto della pagina


Serie XXXI - Registri della popolazione

Livello: serie

Estremi cronologici: 1930 - 1958

Consistenza: 29 unità

Il registro della popolazione fu istituito dal R.D. del 31 dicembre 1864, n. 2105, il quale imponeva ai comuni di tenere un registro per monitorare costantemente la situazione della popolazione residente sul territorio comunale 1 . La legge prevedeva che per ogni famiglia residente dovesse essere compilato uno specifico foglio di famiglia, intestato al capo famiglia e contenente i dati relativi a tutti i componenti del nucleo familiare. L'adozione di tale registro da parte dei comuni del Regno non fu generale, al punto che la legge del 20 giugno 1871, n. 297 - che ordinava il censimento generale della popolazione - ribadì l'obbligo della sua istituzione o del suo continuo aggiornamento per quei comuni che già l'avessero istituito. Il regolamento esecutivo della sopra citata legge, emanato il 4 aprile 1873, prevedeva che il registro della popolazione fosse impostato sulla base dei fogli di famiglia, dei fogli di casa e dei fogli di individuali. Il regolamento emanato con R.D. del 2 dicembre 1929, n. 2132, ridusse a due (fogli di famiglia e schede individuali) le componenti del registro della popolazione. Nel comune di Ponsacco, la raccolta entro appositi registri della popolazione dei fogli di famiglia si ebbe a partire solo da quest'ultima data.


icona top