Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Tassa prediale e Dazio comunitativo

Livello: serie

Estremi cronologici: 1817 - 1865

Consistenza: 33 unità

L'Imposizione a Estimo, che aveva interessato il Distretto fiorentino prima del 1808, a seguito della Restaurazione venne trasformata in una nuova imposizione denominata Tassa prediale e dazio comunitativo. La responsabilità impositiva ed esattiva era delle comunità, l'importo della tassa prediale doveva poi essere versato dal camarlingo del comune nelle casse dello Stato mentre quello del dazio veniva incamerato dalla comunità.

a) Dazzaioli

Anche in questo caso a Bibbona i dazzaioli più antichi si trovano cuciti insieme in un'unica filza dal 1817 al 1830, dal 1831 si trovano singolarmente con lacune per il 1832-34, 1850, 1859-60.
nn. 168-197

b) Rendimenti di Conti

Si tratta di due fascicoli del 1858 e del 1861.
nn. 198-199

c) Reparti

Si conserva infine un unico reparto, del 1833, così intitolato: "Prospetto dei proprietari e della Rendita imponibile dei beni compresi nella moderna confinazione e nell'antica periferia della Comune di Bibbona per servire alla distribuzione del Dazio ed alla formazione del dazzaiolo".
n. 200


icona top