Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Imposizione a estimo

Livello: serie

Estremi cronologici: 1778 - 1800

Consistenza: 1 unità

I comuni del Distretto fiorentino erano sottoposti all'imposizione, definita "estimo" che gravava sia sui redditi dei beni immobili sia sui proventi di arti o commerci. Dal 1551 era infatti stata istituita una "tassa universale" ripartita tra i Comuni sulla base dei loro estimi.
Nell'archivio di Bibbona sono conservati alcuni dazzaioli per la riscossione di questa tassa dal 1778 al 1800: i documenti sono cuciti insieme in un'unica filza con altri dazzaioli relativi ad anni e tasse diverse: l'"Imposizione della contribuzione di guerra richiesta nella Provincia pisana dal Comando militare francese", la tassa sui livelli e vendite dei beni (1786-87), la tassa del macinato (1786, 1790), un "Libretto dei terratici" (1791), "Quaderni di fide, tanto paesane che forestiere, dei bestiami fidati nei terreni della Comunità di Bibbona" (1789-92) e infine alcuni dazzaioli della tassa del sale di Bibbona (1756-58 e 1783-85) e della Colonia di Cecina (1778-79, 1787). Per stabilire l'imponibile per i vari contribuenti si dovevano compiere varie operazioni che andavano dalla denuncia (portata) dei cittadini riguardo ai loro beni e alle loro attività, alla raccolta dei dati e alla loro sistematizzazione in registri catastali, alla determinazione dei redditi e di conseguenza dell'imposta. Tutto questo meccanismo, compatibilmente con i documenti rimastici, può fornire un quadro dettagliato della condizione sociale degli abitanti del Comune, delle loro attività lavorative e della loro dislocazione sul territorio.
n. 9


9
Imposizione a estimo
Filza cartacea priva di coperta.
1778 - 1787
icona top