Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Colletta universale e tasse straordinarie

Livello: serie

Estremi cronologici: 1707 set. 1 - 1815

Consistenza: 11 unità

In occasione di spese eccezionali il governo centrale faceva richiesta alle comunità del suo dominio del versamento di tasse da ripartirsi in un anno o in un'unica rata. Nel 1692 fu introdotta un'imposta dello 0,50% dell'imponibile che gravava su tutti i redditi 1 . Allo stesso anno risale l'istituzione della tassa del piè tondo, la tassa sulle parrucche, sui cocchieri e sui servitori. L'imposizione pari allo 0,50% fu abolita, nel 1726, dal granduca Gian Gastone Medici e da allora le spese straordinarie tornarono ad essere finanziate con imposte una tantum 2 . Nel 1724 fu istituita una tassa straordinaria per le spese di sanità. Un'altra richiesta fu fatta per il rimborso delle spese sostenute dalla cassa del Magistrato dei Nove in occasione del passaggio delle truppe spagnole. Il 4 settembre 1802 fu richiesta dal Magistrato Supremo l'imposizione straordinaria di soldi 251.764 per ragguaglio della tassa di redenzione 3 . La riscossione della tassa fu affidata al camarlingo della comunità di Montecatini, poiché, come previsto dalla circolare del 7 settembre 1802, riscuotesse dai tassati la rispettiva imposta entro i mesi di dicembre, aprile e agosto del 1803 e rimettesse il ricavato alla cassa della Camera delle Comunità di Firenze. Coloro i quali non avessero pagato il dovuto incorrevano nella penale di soldi 2 per lira per ciascuna somma non pagata.
Nell'archivio di Montecatini è conservata documentazione frammentaria relativa a partiti, reparti, dazzaioli e saldi della colletta universale e della tassa del piè tondo delle tre comunità di Montecatini, Monsummano e Montevettolini.


icona top