Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Sale

Livello: serie

Estremi cronologici: 1451 - 1472

Consistenza: 5 unità

L'approvvigionamento di sale rivestiva una enorme importanza sia per l'alimentazione che per la produzione di formaggio e la conservazione della carne. Il suo commercio era controllato dal Comune di Siena al quale veniva corrisposta la tassa. Lo statuto quattrocentesco 1 stabiliva che una volta l'anno venisse eletto dai Priori un camarlingo del sale con il compito di provvedere all'acquisto del sale a Grosseto in proporzione al fabbisogno. Tutte le operazioni di acquisto e di trasporto erano controllate minuziosamente. Il sale veniva poi depositato in un luogo stabilito dal Consiglio. Nel 1676 il Gherardini annotava che nella Comunità di Massa "Vi è il salamoio, che tiene il sale dove più gli aggrada, e lo vende a due crazie la libbra senza farne distribuzione, si cava il salamoio dal bossolo, che si fà all'occorrenze da tutti i Priori.". 2 Nel corso del XVIII secolo, il sale veniva prelevato dal Regio Magazzino di Castiglioni e depositato nel magazzino o canova provvisionale di Massa. Il canoviere del sale di Massa provvedeva alla somministrazione ai canovieri di Prata, Tatti e Monterotondo.


336
Libretto del sale
libretto leg. in cart. cc. 11
1451 lug.
337
Libretto del sale
camarlingo
Giovanni di Paolo

libretto leg. in cart. cc. 18 deteriorato al lembo superiore destro
1451 lug.
338
Libretto del sale
libretto leg. in cart. cc. 4
1469
339
Ricordo del sale venduto questo ano 1472 Bartolomeio di Giovanni di Tonio per lo Comuno di Massa
libretto leg. in cart. cc. 4
1472
340
Lettere, conteggi e altro dell'azienda del sale dal 1788 al 1791
con registrazioni fino al 1792 levate di sale dei canovieri del sale di Massa, Prata, Tatti e Monterotondo 1788 - 1789; bilanci di dare e avere di Alessio Gazzelli magazziniere e canoviere del sale di Massa e degli altri canovieri di Prata, Tatti e Monterotondo 1788 - 1792; levate di sale dei canovieri della comunità di Roccastrada e Gavorrano dal R. magazzino di Castiglioni; ricevute.
filza leg. in cart. cc. non num. molto deteriorata al margine destro
1788 - 1792
icona top