Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Entrate, uscite e saldi dei camarlinghi

Livello: serie

Estremi cronologici: 1569 - 1817

Consistenza: 33 unità

Il camarlingo del Comune era tenuto, al termine del suo mandato, a rendere ragione della gestione finanziaria: a questo scopo venivano redatti i libri di saldi chiamati anche calcoli di ragioni nei quali venivano annotate le entrate e le uscite del Comune e su cui i ragionieri, eletti allo scopo dal Comune, effettuavano il riscontro. I saldi così composti e controfirmati dal cancelliere venivano poi rimessi al Magistrato dei Nove conservatori. Questi registri rappresentarono quindi lo strumento contabile fondamentale per il controllo del movimento del denaro e degli altri beni della comunità.


59
Entrate e uscite del camarlingo Girolamo di Giovanni Ristori 1
Registro senza legatura cc. 48
1620 lug. 1 - 1621 giu. 30
79
Saldi dei camarlinghi compilati dai sindaci
Registro legato in pergamena cc. 24
1611 lug. 1 - 1625 giu. 30
icona top