Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetto conservatore:

Contenuto della pagina


Stato civile. Sezione postunitaria

Livello: serie

Estremi cronologici: 1866 - 1936

Consistenza: 1131 unità

Il 1° gennaio 1866 nasce lo Stato civile italiano, il cui ordinamento è previsto dal R.D. 2602 del 1865. La normativa attribuisce ai Sindaci dei Comuni funzioni di ufficiali di governo e di ufficiali di stato civile. Il R.D. 2135 del 1874 stabilisce la tenuta di registri per la trascrizione di nascita, matrimonio, morte e cittadinanza. Una copia dei registri, vidimati prima dell'uso dal Presidente del Tribunale, deve essere consegnata ogni anno alla Cancelleria del Tribunale. Modifiche all'ordinamento sono state poi apportate con R.D. 1238 del 1939. I limiti alla consultazione dei documenti dello Stato civile, previsti in 70 anni, sono dettati dall'art. 22 del D. Lgs. 22.01.2004 n. 42.
La sezione post-unitaria è costituita da 1131 registri così distinti:

Registri di nascita: le registrazioni sono contenute in 443 registri.
Registri di matrimonio: i matrimoni sono annotati in 306 registri.
Registri di morte: sono conservati 311 registri.
Registri di cittadinanza: le notizie sono annotate in 71 registri.

I registri, di grandi dimensioni, si trovano in ottimo stato di conservazione e sono depositati presso l'Ufficio di Stato civile.



icona top