Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Lettere e circolari

Livello: serie

Estremi cronologici: 1797 - 1814

Consistenza: 47 unità

La serie comprende la corrispondenza del presidente della Municipalità relativamente agli anni 1797-1798, 1 del sindaco per gli anni 1806-1811 e del maire per il periodo 1811-1814.
Erano in precedenza conservate nel fondo di Varano, senza alcun motivo apparente, le "Circolari della Prefettura del dipartimento degli Appennini ai maires" per l'anno 1814 nonché una raccolta di altre circolari della Prefettura per l'anno 1812, di circolari del viceprefetto nelle Alpi Apuane per gli anni 1810-1811, di minute del maire di Licciana per gli anni 1811-1812 e di lettere di autorità diverse al maire di Licciana per gli anni (1811-1812). Nel riordino proposto le carte sono reinserite nel fondo originario, segnalandone la precedente collocazione con la dicitura "Reinserite dal fondo di Varano" accanto all'indicazione presente sulla camicia.
Il carteggio con l'Amministrazione dipartimentale delle Alpi Apuane e con il commissario del potere esecutivo Lodovico Lizzoli (1797-1798), entrambi con sede a Massa, riguarda in gran parte l'incameramento dei possessi dell'ex marchese Claudio Malaspina di Ponte e la causa tra la Municipalità ed il convento dei Servi di Maria, situato in Licciana. In particolare si segnala l'inventario dei beni del convento datato 1797, in allegato alla lettera del commissario del potere esecutivo dell'8 giugno 1798 (20 Pratile Anno VI).
Le minute delle lettere di risposta del sindaco poi maire al viceprefetto del dipartimento del Crostolo si conservano, a partire dal 1809, in allegato alle stesse lettere alle quali si riferiscono, costituendone queste ultime il supporto fisico.
Le circolari a stampa del prefetto del dipartimento degli Appennini ai maires per gli anni 1805-1810, prive di alcun riferimento diretto a Licciana così come di data e numero progressivo di ricezione, 2 non costituiscono la documentazione di una effettiva corrispondenza intercorsa tra l'istituzione con sede a Chiavari e la nostra Comune, di fatto impossibile per motivi storici, essendo in quel periodo Licciana compresa nel dipartimento del Crostolo, ma sembrano piuttosto essere state trasmesse alla nuova Mairie di Licciana dalla sottoprefettura di Sarzana dopo il 1811, cioè dopo l'annessione all'Impero Francese, per fornire gli strumenti atti ad un corretto funzionamento amministrativo. Per questo motivo si è proceduto ad estrapolarle dai fascicoli contenenti generiche "Circolari del prefetto", all'interno dei quali erano state poste nel corso del precedente riordino commiste con le coeve circolari del prefetto del dipartimento del Crostolo. Sempre in merito alle circolari prefettizie si segnala la sparizione della busta indicata come n. 3 "Circolari e carteggio del prefetto 1813-1814" nell'inventario di Erta.
La serie comprende infine il carteggio con quei governi provvisori che, nel periodo compreso tra il marzo 1814 e il gennaio 1815 ossia nella fase di passaggio tra l'occupazione napoleonica e il dominio austro-estense, ricoprirono il potere amministrativo del territorio degli ex-feudi lunigianesi in via provvisoria e a vari livelli. Questi governi sono: il Consiglio amministrativo della città di Sarzana e suo circondario, autorità che dopo l'occupazione di Sarzana da parte delle truppe inglesi nel marzo 1814 fu provvisoriamente delegata dallo Stato di Genova ad amministrare i territori delle comuni di: Sarzana, Santo Stefano, Ortonovo, Castelnuovo, Fosdinovo, Aulla, Licciana, Terrarossa, Bolano, Albiano, Lerici, Ameglia e Trebiano; 3 il plenipotenziario dei Feudi di Lunigiana, nella persona del tenente colonnello dello stato maggiore Werklein, che dal giugno 1814 prese possesso di tutti i feudi imperiali di Lunigiana per ordine del governo austriaco; infine il Governo provvisorio dei feudi imperiali di Lunigiana con sede ad Aulla, il cui presidente fu Luigi Malaspina, marchese di Mulazzo, istituito dal plenipotenziario Werklein con il decreto del 13 giugno 1814.


icona top