Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Comune di Filattiera

Livello: fondo

Estremi cronologici: 1849 - 1859

Consistenza: 156 unità

L'amministrazione era retta dal podestà con funzioni amministrative e rappresentative del Comune che esercitava sotto la sorveglianza del governatore o commissario distrettuale; rimaneva in carica sei anni e il funzionario uscente poteva essere rieletto dopo tre anni dalla scadenza del suo mandato. Nel suo esercizio era affiancato da tre sindaci con mandato triennale, uno per Filattiera, uno per Caprio ed uno per Scorcetoli (in caso di sua assenza era il sindaco più anziano in carica a farne le veci); un consiglio municipale formato da venti anziani scelti tra i cento maggiori possidenti del Comune (Anzianato) che era rinnovato per la metà dei suoi componenti ogni triennio; tre assessori che rimanevano anch'essi in carica tre anni. Il consiglio era convocato per ordine del podestà in via ordinaria ogni anno nel mese di maggio, e riunito in via straordinaria su invito dei governatori o commissari distrettuali negli altri periodi dell'anno. Il podestà proponeva le materie intorno alle quali si doveva deliberare e vigilava affinché le deliberazioni venissero fatte a dovere (con scrutinio segreto, sottoscritte da tutti i partecipanti e approvate a maggioranza assoluta di voti). Nella seduta ordinaria il consiglio degli anziani sceglieva al proprio interno un presidente per deliberare intorno al conto d'amministrazione dell'anno precedente, un segretario ed un vicesegretario, due anziani con l'incarico di revisori del conto morale dell'anno corrente. Procedeva all'esame dei conti consuntivo e preventivo compilati entrambi dal podestà, nel primo caso, sotto la presidenza dell'anziano prescelto e, nel secondo, di nuovo sotto quella del podestà. Deliberava inoltre sui lavori da effettuarsi alle strade comunitative, procedeva, allo scadere dei mandati, al rinnovo delle cariche. Sia per il rinnovo del podestà che per quello di ogni sindaco si formava, a scrutinio segreto, una terna di candidati e seguiva la votazione; per ogni assessore e ogni consigliere erano proposte bine di candidati Tra gli impiegati erano: una guardia campestre, il medico condotto che aveva un incarico per nove anni, i deputati di fabbriche, acque e strade (due per Filattiera ed uno per ciascuno dei rimanenti comunelli, per il cui rinnovo erano proposte bine di candidati), i rivenditori di sale (uno a Filattiera ed uno a Caprio), l'esattore comunale, l'ostetrica ed il veterinario condotti, il maestro di scuola; l'ingegnere comunitativo non era un impiegato ma solo un "locatore d'opera". Vi era inoltre una commissione di vigilanza sui pubblici mercati composta da due consiglieri e due cittadini.




icona top