Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Imposte e tasse

Livello: serie

Estremi cronologici: 1776 - 1808

Consistenza: 30 unità

Una delle novità più rilevanti introdotte dalla riforma leopoldina dei governi locali fu l'istituzione di una tassa da pagarsi alla cassa della Camera delle comunità a titolo di 'redenzione', sospendendo ogni forma di "imposizione annuale con titolo di chiesto di spese universali con qualunque altro titolo ordinario o annuale comunitativo, né per conto della Camera delle comunità né per conto del Monte comune e altri ufizi di Firenze", riservandosene la possibilità soltanto nel caso di "urgenze straordinarie dello Stato" 1 . L'importo esatto dell'imposta, fissato in 1558 scudi annui dal regolamento locale colligiano, comprendeva tutte le voci che fino a pochi anni prima avevano composto il 'chiesto' dei Nove 2 . Per far fronte a queste spese la comunità doveva effettuare il reparto dell'imposta solo sui "possessori di beni stabili" situati nel territorio della comunità in misura proporzionale al loro imponibile senza esclusioni o privilegi 3 . La serie è composta dai Dazzaioli della tassa dei possidenti(1776-1808) e dai Reparti della tassa del macinatoconservatisi solo per il periodo 1792-1799, che fungono da ideale completamento delle omonime sottoserie afferenti alla sezione 'Comunità di Colle fino al 1776' 4 .


icona top