Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Soggetto conservatore:

Contenuto della pagina


Libro dei contratti di mutuo

Livello: serie

Estremi cronologici: 1394 aprile 14-1395 marzo 22

Consistenza: 1 unità

La situazione di endemica conflittualità nelle campagne del Distretto fiorentino sul finire del XIV secolo aveva provocato un consistente aumento della pressione fiscale sui centri soggetti, costretti a far ricorso a gravosi aumenti delle gabelle e alla contestuale riduzione delle spese ordinarie per poter sopperire anche alla gestione corrente delle finanze comunitative 1 . A partire dagli anni Ottanta del Trecento l'assunzione di onerosi mutui ottenuti da prestatori privati si fece sempre più frequente, provocando una forte esposizione debitoria delle casse comunali colligiane 2 . La complessa gestione dei diversi mutui accesi spinse nel marzo 1394 il Consiglio generale a deliberare sull'istituzione per cinque anni di una magistratura destinata ad affiancare i priori e i capitani di Parte guelfa nella stipula dei prestiti. I sette approbatores, in carica per un bimestre avevano la responsabilità di verificare le concrete possibilità del Comune di rifondere i debiti fornendo adeguate "fides et cautelas" e rispondendone di persona in caso di insolvenza 3 . Tecnicamente, una volta deliberato di far ricorso ad un prestito ed individuato il prestatore, veniva nominato un sindicus incaricato di rappresentare il Comune nella stipula dei contratti di mutuo, che fino al 1394 avevano trovato collocazione documentaria nei libri reformationum 4 . Fra il 1394 e il 1395 almeno, in corrispondenza non casuale con l'stituzione degli approbatores, in valse invece l'uso di verbalizzare le delibere del Consiglio relative alla nomina dei sindici e i contratti di prestito veri e propri nel cosiddetto Libro dei contratti di mutuo (1394-1395). Non è chiaro se l'unico registro conservato attualmente sia il superstite di una serie per lo meno quinquennale o se oppure tale uso sia stato ben presto abbandonato.


370(1020; 11; 623; 1119)
Libro dei contratti di mutuo
Reg. leg. in perg. di cc. 74Le cc. 1, 11, 14, 18, 24-25, 42-44, 59-60 non sono scritte.
1394 aprile 14-1395 marzo 22
icona top