Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Decimari

Livello: serie

Estremi cronologici: 1783

Consistenza: 2 unità

Si tratta di elenchi recanti l'indicazione di quanto dovuto dai parrocchiani al curato per il suo mantenimento. In seguito al dispaccio del 4 febbraio 1783, le decime a favore dei parroci già provvisti di sufficienti entrate vennero abolite e sostituite da una congrua governativa, il cui calcolo venne affidato ai cancellieri comunitativi 1 . La serie si compone di una filza contenente copie di decimari delle pievi aventi sede nel territorio della comunità di Castiglione d'Orcia, inviate dai rispettivi pievani al cancelliere comunitativo di San Quirico nell'estate del 1783, e di un registro di decimari redatto successivamente dal medesimo cancelliere.


252(52; 137; 109)
Decimari
Copie di decimari delle pievi del Vivo, di Castelvecchio in Val d'Orcia, di Rocca d'Orcia e di Ripa d'Orcia inviate dai rispettivi pievani al cancelliere comunitativo di San Quirico. Il decimario della pieve di Castelvecchio è una copia di quello del 1636.
F. in filo leg. in cart. cc. 13 Mancano le cc. 1-4
1783
253(-; 139; 108; 13)
Decimari
Decimari delle pievi di Castiglione d'Orcia, Rocca d'Orcia, Castelvecchio in Val d'Orcia, Ripa d'Orcia e Vivo redatti dal cancelliere comunitativo di San Quirico.

(c. 1r) "Libretto per l'esazione delle decime delle chiese parrocchiali della comunità di Castiglion d'Orcia".


Reg. leg. in cart. cc. 11 scritte
1783
icona top