Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Estimo

Livello: serie

Estremi cronologici: 1625 - 1629

Consistenza: 1 unità

Particolare interesse riveste questo Estimo della Vicaria del Bagno che non trova corrispondenti in altri archivi storici comunali del territorio lucchese. Si tratta di un pregevole registro, di grande formato, legato in tutto cuoio con fregi dorati e borchie originali; all'interno le capitali sono miniate e presenta gli stemmi, a colori, di tutte le Comunità che componevano la Vicaria della Val di Lima.
L'opera, datata 1629, inizia con una dedica di Marco Antonio Botti, redattore dell'estimo, "Alli prudenti huomini della Valdilima" nella quale dichiara che verranno descritti tutti i territori "con li suoi termini, vocaboli, misure et confini", insieme alla stima completa dei beni. Inoltre asserisce di aver misurato e "bussolato" tutto il territorio di ogni Comunità con l'assistenza dei Deputati e di alcune persone dei Comuni adiacenti, al fine di evitare errori e litigi per motivi di confine.
Questo estimo viene redatto su richiesta dei cittadini della Vicaria del Bagno, i quali vogliono che siano misurati e stimati i terreni di ogni Comunità, affinché venga stabilita un'equa tassazione e, successivamente, venga deciso di stilare un nuovo registro nel quale le spese sostenute dalla Vicaria siano ripartite alla luce delle nuove stime e delle nuove imposizioni.
Due Comunità, cioè Lucchio e Montefegatesi, erano "Comuni Composti", perché, nella loro amministrazione, usufruivano delle decisioni assunte a seguito di un atto di composizione concordato con lo Stato lucchese fino dalla metà del secolo XV, quando fu conclusa la pace con Firenze e si ebbe la restituzione delle terre del Contado. I due paesi, nelle lotte avvenute fra Fiorentini e Lucchesi, essendo ubicati proprio sul confine, avevano subito danni, così il governo ritenne giusto di stabilire per loro una piccola tassazione annua, non suscettibile di accrescimento.
Lucchio e Montefegatesi erano quindi esonerati dal pagare le colte e gli oneri d'estimo1: tale privilegio rimase in vigore fino alla caduta della Repubblica. Per avere maggiori notizie su questo tema si rimanda a quanto è stato scritto nella Premessa del presente volume.
Le due Comunità hanno sempre avuto la tendenza a restare libere e autonome e questo spirito si confermò anche nel 1629, quando fu completato l'estimo della Vicaria della Val di Lima. All'agrimensore, inviato in quei luoghi a redigere tale opera, fu impedito di "rigirare, misurare e circondare" il territorio. Interessante è la relazione che Marco Antonio Botti riporta sull'estimo a questo proposito: "Ancor che Montefegatesi sia Comune composto con la Vicaria del Bagno non doviamo per questo lasciare di trattarne et ponerlo in questo circondario, poi che lassando a parte le sue compositioni e sottoposto alla ragione così civile come criminale et alle fationi dell'armi al Signor Commissario di questa Vicaria residente et al capo della soldatesca ad ogni suo comando, habbiamo per questo procurato di misurare il suo circondario et confine con molta equità, non solo per confermarli le sue compositioni et ponerle in queto libro, ma per aggiustar il suo territorio con altri comuni acciò per qual si sia tempo li venghino tolte ogni differenze et controversie come in altri circondari de i Comuni di questa Vicaria habbiamo delineato et perche il nostro cartone principale non venga offeso ne in parte alcuna trovato defettivo. Ma come huomini gelosi dell'interesse dei medesimi non hanno voluto permettere che si rigiri, misuri, ne si circondi il lor Comune nonostante che siano dai Protettori del medesimo Comune stati assicurati che tutto è solo per beneficio et sicurezza delli interessi loro si che convenendo a me per propria mia reputatione descrivere il loro negotiato acciò non resti offesa l'opera mia et incolpandone me medesimo offuscare la mente di quegli che si impossesseranno di questa fatica... È vero che a me non è riuscito veder la carta della sua compositione non ostante che da me ne li sia stato fatto particolar premura et instanza, però è ragionevole rimettermi a quello che mi è venuto detto, tanto più che la Vicaria non vi ha fatto mai particolar premura et se bene ho conosciuto io che non poteva a detta Comunità di Montefegatese se non apportarli grandissimo servitio il descrivere le loro compositioni in questo libbro et per farlo ho consumato alcuni giorni, così richiamato al Bagno da loro, se bene non se ne risolse quel Comune, con tutto ciò non essendomi riuscito come dico, non passarò più avanti lassandolo nello stato con quella gravezza et nelle conventioni che presentemente dicono loro retrovarsi..."2.
Inoltre "Questo Comune di Lucchio, come Comune composto con la Vicaria, si è unito con il Comune di Montefegatese pur anch'esso come si è detto arrieto in questo ove si tratta di quello Comune composto, et ne l'uni ne l'altro come gelosi de i loro interessi si sono contentati, ne questo si è contentato di darmi satisfatione acciò misurassi, bussolassi e ponessi in carta il suo circondario, fattone con questa Comunità particolar stanza acciò che il cartone grande non restasse offeso con non vi poner in fine di questa narrativa la scrittura della loro compositione, più tosto per dar polso alle loro ragioni che per indebbolirle..."3.
Nella riunione del 24 agosto 1629, il Parlamento della Vicaria della Val di Lima stabilì per quanto tempo sarebbe dovuto restare in vigore il nuovo estimo e decretò che si dovesse "osservare et mantenere per anni 50 nella presente forma et modo che contiene detto Libro et che non si possa da qualsivoglia Comunità, sottoposta a detta Vicaria, domandare o in qualsivoglia modo innovare detto estimo sotto pena di scudi 500... resti fermo sempre et in suo vigore detto Libro fatto da detto Botti per li suddetti anni 50, da principiarsi il presente anno 1629"4.
Nella stessa riunione il Parlamento di Vicaria espresse gratitudine e riconoscenza a Marco Antonio Botti per il lavoro svolto nella redazione del nuovo estimo, per "l'accuratezza, fatica et diligenza usata intorno a ciò nonostante il pagamento datoli... et non pare alla medesima Vicaria haverli dato quella intera satisfatione che esso merita et perciò ha voluto satisfarlo almeno con accompagnarlo con la presente dichiaratione di satisfatione havuta da esso in generale et in particolare5.



19(Vv. ss. Bagno n. 12; R. 19)
[tit. int.] A laude di Dio Santissimo. Estimo della Vicaria del Bagno. MDCXXIX
Contiene la confinazione e la misurazione dei territori della Vicaria, distinti nelle singole Comunità, effettuata da Marco Antonio Botti nell'anno 1629.
Il registro comprende le descrizioni delle seguenti Comunità: Bagno, Controne, Menabbio, Casabasciana, Carsciana, Brandeglio, Lugliano, Vico, Limano, Casori, Palleggio e Cociglia. Per quanto riguarda Montefegatesi e Lucchio, in quanto Comuni composti, vengono date notizie solamente sulle soldatesche presenti in queste due zone.
La narrativa del territorio di ciascun comune è preceduta dal disegno a penna e a colori dello stemma della Comunità.
Cc. 1r.-2v., memoriale di Marco Antonio Botti, all'atto della presentazione dell'Estimo, indirizzato "Alli prudenti huomini della Vicaria di Valdilima. Prudenti Huomini. Ecco il circondario della vostra Vicaria del Bagno et di ciascuno comune della medesima distinto con li suoi termini, vocabuli, misuri et confini, insieme con la stima generalmente et particolarmente di tutti i beni suoi come potete vedere. Et se bene all'effetto del qual si tratta, cioè per repartire le gravezze della medesima, basterebbe la sola stima senza cercar più oltre; con tutto ciò in consideratione del particolar desiderio ch'io tengo del benefitio vostro et di torre et levar l'occasione di lite fra un confine et l'altro dei particolari comuni et luoghi di essi et dell'obligationi ch'io professo di havere al molto Illustre Signore Niccolò Fatinelli, per mezzo del quale avete convenuto meco che io faccia questa opera, ho havuto per bene rappresentarvi non pur il modo et le regole che ho osservato in farlo, ma anche di aggiungervi molte dichiarationi et altri particolari attenenti a questa Vicaria, acciò ne i perpetui et successivi tempi possa apparire a i Posteri vostri lo stato nel qual si trovava al tempo di quest'attione et altre cose appartenenti a essa, come appresso si descriverà. Sappiate domque che ho misurato, circondato et bussolato il territorio di ciascun comune di essa Vicaria con l'assistenza non pure dei Deputati dal vostro general parlamento, sotto suo tempo, ma ancora de i destinati di ciascun Comune et mentre sono andato operando intorno a ciò ho voluto che v'intervenghino particolari persone dell'altro comune a quello coherente acciò l'interesse proprio non permetta alcuno errore, non solo ne i termini, ne vocaboli, ne i nomicchiori, ne i luoghi, ma in alcuna cosa attenente a esso et poi per maggior mia satisfatione havendo posto cartone per cartone con regola et proportionata misura et graduate linee in pianta i confini d'essi et rincontrato i medesimi circondarii alla presenza non solo delli stessi deputati, ma delli eletti di quei comuni di che si trattava et trovati al giusto, dalli scrivani loro mi sono stati per tale manu propria affirmati. Per aggiustarmi io poi et accertarmi quanto più m'è stato possibile del valore dei beni di comune per comune, non solamente ho considerato la quantità di essi detrattone l'inutili, grotti et rave in quei luoghi ove si ritrovano anche con particolar danno de i terreni confinanti a essi, ma i siti ove sono posti, i venti che li travagliano, l'arie che li nuocono et altre qualità estrinsiche dependenti dalla piritia mia, ma oltre a questo ho voluto l'informationi da pratiche et accorte persone di ciascuno comune, per assicurarmi del frutto che sogliano rendere l'un'anno per l'altro distintamente i comuni, compensando la quantità con la qualità et havendo principalmente havanti gl'occhi l'equità acciò non resti alcuno indebbitamente gravato...";
c. 3r., indice dell'opera;
c. 8r, stemma della Vicaria a colori;
c. 10r., "Disegno della bussola adoperata nella presente opera";
cc. 12r.-.20v., copia dei decreti votati dal Parlamento della Vicaria per l'effettuazione del nuovo Estimo, compresi tra il 29 aprile 1625 ed il 29 giugno 1629;
cc. 21r.-24r., "N. 1. Bagno" con stemma della Comunità suddetta;
cc. 29r.-34v., "Circondario, calculo et stima del Territorio et Comune di Controne. Fatto, circondato et calculato l'anni 1627 et 1628 e 1629", stemma della Comunità;
cc. 38r.-43r., "Ricognitione, consideratione et calculo de i beni attenenti al Comune et territorio di Menabbio. L'Anni 1628 et 1629", stemma della Comunità;
cc. 47r.-51r., "Dichiaratione, consideratione et Stima del Territorio et comune di Casabasciana. Fatta l'Anni 1627 et 1629", stemma della Comunità;
cc. 57r.-61r., "Circondario del comune di Carsciana con la sua stima. Fatta l'anni 1627 et 1629", stemma della Comunità;
cc. 67r.-71r., "Misure, circondario, calculo et stima del Comune et territorio di Brandeglio. Fatto li Anni 1628 et 1629", stemma della Comunità;
cc. 73r.-76v., "Ristretto del circondario di Lugliano, calculo et stima di quello. Fatta l'anni 1628 et 1629", stemma della Comunità;
cc. 79r.-82r., "Comune di Vico, misurato et calculato et con ogni consideratione stimato, come a suo luogo viene descritto. Fatta gli anni 1626 et 1629", stemma della Comunità;
cc. 87r.-90r., "Limano, Comune del Bagno. Misurato, Bussolato et diligentemente stimato come appresso vien descritto. Fatto li anni 1626 et 1629", stemma della Comunità;
cc. 95r.-98v., "Estimo, misura, circondario et calculo del comune di Casori. Fatto l'anni 1626 et 1629", stemma della Comunità;
cc. 104r.-107r., "Comune di Palleggio misurato et stimato l'anno 1626 et 1629", stemma della Comunità;
cc. 110r.-113v., "Cociglia, bussolato et misurato et stimato li Anni 1626 et 1629", stemma della Comunità;
cc. 116r.-118v., "Narrativa del Comune di Monte Fegatese. Composto con la Vicaria", stemma della Comunità;
cc. 121r.-123r., "Il Comune di Lucchio, come Comune composto, non si misurò, né stimò, come a suo luogo si dice", stemma della Comunità;
c. 125r., "Ristretto dell'Estimo, cioè miglia, coltre et stima d'esso"; sono riportate le misurazioni e le stime delle comunità del Bagno, di Controni, di Benabbio, di Casabasciana, di Crasciana, di Brandeglio, di Lugliano, di Vico, di Limano, di Casoli, di Palleggio e di Cocciglia.
Nella descrizione dei territori, fatta in forma discorsiva, si elencano molti toponimi delle singole località.
Registro cartaceo in folio leg. tutto cuoio, con fregi dorati e borchie originali cc. I, 1-132
1625 - 1629
icona top