Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Giudice conciliatore

Livello: fondo

Estremi cronologici: 1878 - 1983

Consistenza: 15 unità

Nel 1865 fu istituito in ogni comune del Regno un conciliatore per la composizione su richiesta delle parti delle controversie minori e con altre attribuzioni previste dalla legge 1 . 11 giudice conciliatore di nomina regia sulla base ad un elenco di nomi presentato dal consiglio comunale restava in carica tre anni. Con il regolamento del 14 dicembre 1865 n. 2641 per l'esecuzione della Legge sull'ordinamento giudiziario venivano tra l'altro stabilite le tipologie dei registri che dovevano essere tenuti e compilati. Dal 1892 funzionò un vero e proprio ufficio di conciliazione che si occupava di cause "personali civili e commerciali relative ai beni mobili" fino ad un valore di cento lire. Inoltre il Giudice conciliatore nominato dal Presidente del Tribunale su proposta del Procuratore regio il quale lo sceglieva da un'apposita lista compilata dalla Giunta comunale era competente per le cause riguardanti la locazione di beni immobili lo sfratto e "azioni per guasti e danni dati" sempre per il valore di cento lire. 2 Nei comuni divisi in frazioni potevano essere istituiti più uffici di conciliazione ed infatti la serie si apre con il protocollo delle sentenze del Giudice Conciliatore della "frazione" di Altopascio datato 1878 ossia prima della istituzione del comune. Dal momento che l'ufficio di conciliazione si trovava presso la sede comunale dove veniva conservata la relativa documentazione, parte della stessa, soprattutto la corrispondenza, è reperibile nel Carteggio Generale alla Cat.VII dove si trovano anche le sentenze redatte su fogli non cuciti. L'Ufficio di conciliazione fu soppresso con la legge n. 374 del 1991.
Trattasi di archivio non di competenza del comune, ma solamente depositato nei suoi locali.




icona top