Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Arruolamento militare

Livello: serie

Estremi cronologici: 1820 - 1863

Consistenza: 19 unità

L'organizzazione militare del granducato risale al 1820 1 : ogni comunità era tenuta a fornire un contingente di uomini prefissato e pertanto era istituita una deputazione incaricata di effettuare l'arruolamento dei volontari e la coscrizione fino al raggiungimento del numero richiesto. A seguito della notificazione dell'8 agosto 1826 2 , la deputazione divenne permanente. Le disposizioni di quest'ultima avvenivano mediante deliberazioni collegiali di cui si conservano a Carmignano i registri dei verbali. La corrispondenza con l'incaricato della Direzione dell'arruolamento militare era tenuta tramite il gonfaloniere.
All'arruolamento si procedeva, dopo la chiamata dei volontari 3 , mediante l'estrazione dei nomi dalle liste alfabetiche di giovani, compilate sulla base delle informazioni raccolte dalla deputazione e conservate nelle filze del carteggio.
Poiché la deputazione aveva la facoltà di inviare presso i comandi, durante l'anno, una parte del contingente richiesto, era obbligata a tenere anche un registro delle reclute spedite, di cui si conserva un esemplare.


icona top