Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Gabella delle bestie dal piè tondo

Livello: serie

Estremi cronologici: 1592 - 1619

Consistenza: 1 unità

Si tratta di una gabella risalente ai tempi della Repubblica che veniva pagata, nella misura di un soldo per lira, sui passaggi di proprietà delle bestie «asinine, muline e cavalline». I proventi furono destinati dapprima alle spese relative alle riparazioni dell'Arno, e poi di tutti i fiumi del Granducato.
Nel 1549 1 la gabella, che in origine gravava su Firenze e il contado, fu estesa a tutto lo stato.
L'esazione 2 era posta sotto la vigilanza dei rettori di giustizia dei luoghi in cui erano stipulati i contratti, i quali incaricavano il cavaliere e il notaio della corte di riscuotere i proventi dell'esazione. Questi, per mezzo di polizze, dovevano essere consegnati a un depositario, appositamente nominato, il quale era poi obbligato a rimettere trimestralmente il denaro al camarlingo dell'ufficio centrale di volta in volta deputato 3 . L'esazione dava luogo alla formazione di un quaderno che cavalieri e notai erano obbligati a tenere, su cui veniva effettuato il riscontro delle polizze, e che veniva trasmesso, insieme ad esse, all'ufficio centrale.
Nel 1687 4 la gabella venne riconfermata e si stabilì che venisse pagata in base ad una valutazione effettuata da appositi stimatori, e non più in base al prezzo denunciato per l'alienazione. Il pagamento continuava ad essere effettuato nelle mani di un depositario o, in sua assenza, del rettore di giustizia, che era tenuto a registrarlo in un libro a ciò destinato, con l'obbligo di farne ricevuta.
In tale occasione venne inoltre stabilito l'obbligo, per i possessori delle bestie, di farne annualmente la portata nella quale erano indicati, oltre alle generalità del proprietario, «numero, qualità, pelame o mantello» delle bestie.
Nel 1727 5 , con provvisione del 28 febbraio, la gabella delle bestie venne soppressa.


356(7)
Gabella di bestie. Seguono le gabelle di bestie al tempo del Magnifico messer Francesco Laschi Podestà di Carmignano l'anno 1592
2 regg. cuciti s. cop. cc. 125
1592 - 1619
icona top