Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Gabella delle bestie del piè tondo

Livello: serie

Estremi cronologici: 1611 - 1667

Consistenza: 1 unità

Con bando del 9 febbraio 1582 venne prescritto il pagamento di una gabella sul valore di cavalli, muli e asini (bestie del piè tondo) oggetto di compravendita, baratto o donazione, della cui riscossione erano responsabili i giusdicenti delle rispettive comunità 1 . Del materiale concernente l'amministrazione della gabella si è conservato solo un registro di denunce relative alle transazioni di bestiame del periodo 1611-1667.


153(II.5.2)
Registro delle denunce
(c. Ir, nota di mano settecentesca) "Vedesi che Farnetella e Rigomagno denunziavano e pagavano la gabella in Scrofiano, come può riscontrarsi alla ragione di soldi uno per lira".
Reg. leg. in perg. di cc. 140
1611 - 1667
icona top