Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Arruolamento militare

Livello: serie

Estremi cronologici: 1814 - 1869 settembre 29

Consistenza: 7 unità

Dal 1820 ogni comunità doveva fornire un contingente di uomini; presso ogni comune venne disposta la formazione di una deputazione per l'arruolamento che doveva occuparsi della coscrizione dei giovani non esentati e dell'arruolamento dei volontari 1 . Nelle comunità, che, come Calcinaia, non erano sede di un giusdicente o di un cancelliere, la Deputazione era composta dal gonfaloniere, dal primo priore e da un altro priore a loro scelta. Con la notificazione dell'8 agosto 1826 2 la deputazione comunitativa incaricata dell'arruolamento militare diventava un organismo permanente e le sue disposizioni dovevano essere prese per mezzo di deliberazioni collegiali. All'inizio di gennaio di ogni anno la deputazione affiggeva un editto con l'invito ai giovani di 21 anni a presentarsi entro due mesi per mettersi in nota. Per raggiungere il contingente richiesto, ogni anno, la deputazione poteva procedere al sistema della tassazione o della tratta. Nel primo caso veniva imposta una tassa di reclutamento sopra tutti i giovani precettabili e, con la somma ottenuta, si corrispondeva un premio ai volontari; nel secondo caso i nomi dei precettabili venivano imborsati, poi estratti a sorte. Le filze di Atti contengono materiale informativo che serviva alla deputazione per compilare le liste dei giovani precettabili, lettere ricevute dalla Soprintendenza Generale e dalla Direzione dell'Arruolamento Militare e documentazione riguardante la gestione finanziaria della Deputazione.


icona top