Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guardia civica

Livello: serie

Estremi cronologici: 1847 - 1851 gennaio 31

Consistenza: 6 unità

Venne istituita con motuproprio del 4 settembre 1847 1 allo scopo di supportare le milizie dello stato nel mantenimento della sicurezza pubblica. Secondo le successive disposizioni, emanate con la notificazione del 15 settembre 2 e con il regolamento generale del 4 ottobre 3 successivi, erano chiamati a farne parte obbligatoriamente, con servizio da prestarsi presso il rispettivo domicilio, tutti i cittadini abili ad esclusione di particolari categorie quali militari, ecclesiastici e condannati per reati penali. Mentre per la parte militare la guardia civica era posta alle dipendenze dello stato, che si assumeva l'onere delle spese per gli armamenti, il controllo finanziario e la formazione dei ruoli vennero affidati direttamente alle comunità. In ciascuna di esse doveva essere istituita una apposita deputazione, presieduta dal gonfaloniere, per la scelta degli idonei al servizio attivo e la compilazione dei ruoli della riserva, in cui venivano inclusi coloni, salariati e coloro che il servizio attivo avrebbe privato dei mezzi di sostentamento. Con il regolamento del 4 ottobre vennero istituiti anche i consigli di revisione per decidere riguardo ai reclami, i consigli di amministrazione per valutare le spese da sottoporre alle comunità, e i consigli di disciplina per giudicare sulle infrazioni disciplinari. Un nuovo regolamento emanato nel febbraio del 1849 4 da parte del governo provvisorio, trasformò la guardia civica in guardia nazionale, ma poco tempo dopo questa fu abolita. Quello che rimaneva della guardia civica granducale, già disciolta "in tutte le città principali e nelle più ragguardevoli comunità", venne definitivamente abolita il 23 ottobre 1851, trovandosi già "in stato di quasi totale dissoluzione nella maggior parte del Granducato" 5 .
Ad Uzzano si conservano i ruoli e protocolli delle deliberazioni emesse dalla deputazione e dal magistrato civico. Da segnalare che nella serie del Carteggio e atti del gonfaloniere è presente una busta contenente tutto l'incartamento relativo alla costituzione della Guardia civica di Uzzano, così come prescriveva il motuproprio granducale del 4 settembre 1847.


icona top