Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


III. Protocolli della corrispondenza

Livello: serie

Estremi cronologici: 1935-1952

Consistenza: 2 unità

La tenuta obbligatoria dei protocolli della corrispondenza fu stabilita dal regolamento di applicazione della Legge comunale e provinciale del 1865 e confermata successivamente. 1. In essi doveva essere registrata tutta la corrispondenza inviata e ricevuta dal comune. Di ogni atto dovevano essere indicati la data di arrivo o di spedizione, il mittente o il destinatario, l'oggetto. Accanto a questi dati avrebbe dovuto essere annotata anche la classificazione, ma questo nel nostro caso non è avvenuto. Tutti gli atti erano registrati con un numero progressivo, partendo dal 1 gennaio di ogni anno per finire al 31 dicembre.

Nell'Archivio Comunale di Scandicci la serie dei protocolli della corrispondenza ha subito gravissime dispersioni in epoca che non è stato possibile precisare. Essa infatti comprende, relativamente al periodo preso qui in esame, due soli protocolli, di cui uno riservato, che si uniformano alle disposizioni generali. La serie rimane aperta per accogliere ulteriori registri, che sono stati conservati regolarmente dal 1953 in poi.



1
Protocollo riservato della corrispondenza comunale
Registro
1935 gen. 4 - 1952 nov. 12
2
Protocollo della corrispondenza comunale
Registro
1944 giu. 12 - 1945 mag. 12
icona top