Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Guardia nazionale

Livello: serie

Estremi cronologici: 1860 - 1869

Consistenza: 9 unità

I contingenti della Guardia nazionale vennero costituiti con decreto del 14 luglio 1859 e regolamentati dal regolamento del 16 luglio dello stesso anno. Con la legge del 4 agosto 1861 la Guardia nazionale venne poi estesa a tutto il territorio del regno d'Italia. Erano chiamati a farne parte tutti i cittadini di età compresa fra i 21 e i 55 anni che non fossero nullatenenti, mentre i giovani dai 18 ai 21 anni potevano entrarvi in qualità di volontari; erano esenti dal servizio, oltre i nullatenenti, anche i membri di particolari categorie sociali (militari, pubblici funzionari, medici, maestri, ecclesiastici).
Il corpo fu organizzato secondo le indicazioni della legge del 4 settembre 1847 istitutiva della guardia civica, che era stata abrogata nel 1849. In ogni comune veniva costituita una deputazione presieduta dal gonfaloniere che provvedeva a formare e correggere ogni anno le liste dei residenti che possedevano i requisiti necessari per farne parte. Costoro erano distinti in tre categorie: celibi o vedovi senza figli, coniugati senza figli e coniugati con figli. I ruoli veri e propri erano stesi a cura del consiglio di recognizione, istituito laddove i battaglioni venivano effettivamente formati: i primi ad essere iscritti erano i volontari, seguiti poi dagli iscritti nelle altre categorie in ordine di età di appartenenza. Eventuali reclami erano esaminati da un apposito consiglio di revisione mentre le infrazioni disciplinari e regolamentari si deferivano ad un consiglio di disciplina. Il controllo economico e finanziario spettava alla deputazione comunale; il comando era affidato a un comandante che stilava un regolamento da pubblicarsi con decreto del gonfaloniere salvo approvazione da parte dell'autorità prefettizia.
Gli ufficiali venivano, infine, eletti dall'assemblea dei cittadini iscritti, convocata e presieduta dal gonfaloniere.



825(n. s.)
Guardia Nazionale. Consiglio di Recognizione. Carteggio e istanze
Busta
1860 - 1866
826(967)
Guardia Nazionale. Comune di Buggiano. Elenco dei mobilizzati tanto dell'Attività che della riserva
Reg. leg. mezza perg. cc. n.n.
1864 mar. 12
827(969)
Matricola della Guardia Nazionale di Battaglione
Reg. leg. mezza perg. cc. n.n.
1861 - 1862
828(340; 971)
Comunità di Buggiano. Registro di Matricola dei compresi nella Guardia Nazionale del Comune
Reg. leg. mezza perg. cc. n.n.
1862
829(341; 973)
Guardia Nazionale del Comune di Buggiano. Registro Matricola
Reg. leg. mezza perg. cc. n.n.
1863
830(n. s.)
Guardia Nazionale
Contiene:
- Inserto di carteggio;
- Inserto di processi verbali;
- Registro dei certificati di ricorso in Cassazione avverso le decisioni del Consiglio di disciplina.
Busta
1861 - 1865
831(972)
Guardia Nazionale di Buggiano. Ufizio del Relatore. Registro delle Provvidenze del Consiglio di disciplina
Reg. leg. tela cc. n.n.
1862 - 1865
832(11; 968)
Guardia Nazionale di Buggiano. Comando Superiore. Stato di Punizione
Reg. leg. tela cc. n.n.
1861 ott. 27 - 1865 apr. 29
833(970)
Comando Superiore della G. Nazionale di Buggiano. Copia Lettere
Reg. leg. mezza perg. cc. n.n.
1861 feb. 22 - 1869 [...]
icona top