Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Imposizioni

Livello: serie

Estremi cronologici: 1809 - 1814

Consistenza: 10 unità

La giunta di Toscana, con sua deliberazione del 22 agosto 1808, a far data dal 1° gennaio 1809 abolì tutte le vecchie imposizioni sostituendole con quattro soltanto: l'imposta fondiaria, detta anche prediale, l'imposta personale, quella sulle porte e finestre delle abitazioni e quella sulle patenti. In via provvisoria il reparto delle nuove imposte fu operato dalla giunta; in un secondo momento, sempre nella prospettiva rigorosamente gerarchica e centralistica propria delle istituzioni dell'impero francese, fu il governo centrale a compiere la ripartizione fra i dipartimenti; erano poi i prefetti a fare la stessa operazione fra le prefetture e i sottoprefetti per le mairies territorialmente competenti; ognuna di esse, infine, ripartiva la somma fra i contribuenti, secondo criteri specifici distinti per ciascuna imposizione. Lo stato di disordine in cui sono pervenuti i documenti della mairie di Buggiano ha impedito, come s'è detto, di costituire delle vere e proprie serie organiche.
Anche la documentazione in materia fiscale non fa eccezione a questa regola e si trova in parte confusa nelle buste comprese nella serie Carteggio ed atti. Si è raccolto separatamente in questa serie, invece, il materiale riconducibile esclusivamente alla materia impositiva e condizionato in forma autonoma.



icona top