Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Stato civile francese

Livello: serie

Estremi cronologici: 1809 - 1814

Consistenza: 36 unità

La sottrazione ai parroci delle competenze in materia di stato civile e l'attribuzione di queste ultime a un apposito ufficio della mairie rappresentò per la Toscana di quegli anni una novità assoluta. Fino ad allora, infatti, le comunità non avevano mai curato la tenuta dei registri anagrafici, per la consultazione dei quali era indispensabile rivolgersi ai parroci. Questo servizio era previsto esclusivamente per gli individui di religione cattolica.
Con la venuta del governo francese, invece, l'obbligo di iscrizione anagrafica fu prescritto a tutti i cittadini e la responsabilità d ella tenuta dei registri fu affidata alle municipalità . Ciascuna di esse doveva tenere tre registri separati per nascite, matrimoni e morti e inviarne un duplicato a Firenze, all'ufficio centrale dello stato civile.
E' interessante notare come anche sotto il governo francese alcuni atti ufficiali della mairie (in questo caso la tenuta dei registri anagrafici) riconoscessero la distinzione, all'interno del territorio buggianese, del comunello del Ponte rispetto al resto delle località che lo componevano.



icona top