Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Danno dato

Livello: serie

Estremi cronologici: 1737 - 1749

Consistenza: 1 unità

Il danno dato era una multa che veniva comminata a chi danneggiasse beni campestri pubblici e privati. Questi danneggiamenti, che potevano avvenire ad opera di uomini o anche di animali, erano considerati un reato che era sottoposto alla vigilanza del campaio, che ne accertava la gravità e sporgeva accusa nei confronti dei colpevoli agli ufficiali maggiori che svolgevano il ruolo di giudici. I nomi dei colpevoli venivano registrati su appositi registri con le somme da pagare al camarlingo.

A dimostrazione di come le funzioni tra le istituzioni e le cariche amministrative locali si intrecciassero tra loro fino a quasi tutto il Cinquecento, nella giurisdizione sul danno dato svolgono un ruolo sia ufficiali del comune sia il consiglio generale del comune che nomina il campaio.1

Nella seconda metà del Cinquecento la carica pubblica di campaio fu sostituita da guardie private incaricate e pagate dai proprietari di terre che tuttavia, per venire riconosciuti dalle autorità locali, dovevano prestare giuramento davanti al podestà. Allo stesso tempo il cancelliere rivestiva anche l'incarico di notaio del danno dato.

Con il 1688 una nuova regolamentazione,2 che testimonia la frequenza e la rilevanza sociale di questo tipo di reato, dette la possibilità ai danneggiati di rivolgere le loro accuse direttamente al giudice criminale, con competenza sulle cause minori, cioè al podestà.

Lo stesso podestà erediterà totalmente questo compito con la riforma giurisdizionale del 1772.



312(449, 529)
Danno dato della podesteria di San Casciano
Quaderno di danno dato
"Questo libro servirà per scriverci e notare tutte l'accuse che alla giornata saranno date a queste carte dalle guardie, dai particolari per Danno Dato e principiato al tempo del... Giovanni Boceschi podestà"
podestà
Giovanni Boceschi
cancelliere
Anton Maria Marchi di Galatea

Contiene atti, accuse e sentenze.
Reg. leg. perg. cc. 1-135
1737 ago. 12 - 1749 ott. 7
icona top