Tasti di scelta rapida del sito: Menu principale | Corpo della pagina | Vai alla colonna di sinistra

AST | Recupero e diffusione degli inventari degli archivi toscani
Menu di navigazione
Home » Ricerca guidata » Complessi archivistici - Fondi » Visualizza scheda
stampa

Colonna con sottomenu di navigazione


Contenuto della pagina


Libri dei pegni

Livello: serie

Estremi cronologici: 1665 - 1786

Consistenza: 3 unità

L'ufficio del Depositario dei Pegni era organizzativamente situato presso la Podesteria di San Casciano. Compito di questo ufficiale, di nomina comunitativa ma sottoposto al beneplacito dei Nove, era quello di ricevere i pegni effettuati nell'ambito della podesteria dal messo per ordine del podestà. Da quanto risulta dalla riforma dello statuto del 2 novembre 1528, pare che non esistesse fino a questa data una regolamentazione esatta dell'attività dell'ufficio.1 La prima regolamentazione uniforme dell'ufficio del depositario si trova nella riforma dei Cinque del Contado del 1553.2

La carica era ricoperta dal camarlingo comunitativo che svolgeva anche questa funzione di depositario dei pegni, oltre quelle normali di carattere contabile e fiscale.

L'ambito territoriale di competenza dell'ufficio comprendeva anche il Terzo di Mercatale.



icona top